From knowledge
To roi

Digital Humanities

Valorizziamo il patrimonio culturale in digitale

Le Digital Humanities il Digital Cultural Heritage e quindi la fruizione del patrimonio culturale in digitale, rappresentano uno scenario in forte espansione, che dà l’opportunità di valorizzare a livello internazionale i beni culturali, in modo innovativo, aperto, collaborativo.

CELI sviluppa piattaforme web e motori di ricerca semantici e multilingue per archivi, biblioteche, musei, corpora multilingue e altri tipi di repositories culturali.

Facciamo parte dell’Associazione Italiana per l’Informatica Umanistica e la Cultura Digitale (AIUCD), una delle più importanti iniziative in questo settore, e svolgiamo attività di ricerca in collaborazione con università e centri di eccellenza (Università di Torino, Fondazione Bruno Kessler di Trento, Scuola Normale Superiore di Pisa).

Nel settore delle Digital Humanities abbiamo realizzato progetti molto innovativi, tra i quali l’annotazione automatica delle Named Entities (citazioni delle entità) per l’Archivio storico de La Stampa nel 2011 (si tratta dell’unico archivio di un giornale italiano completamente digitalizzato e indicizzato, con 11 milioni di documenti), il motore di ricerca del portale Librinlinea, per consultare in maniera integrata le risorse disponibili nelle biblioteche di tutto il Piemonte, il progetto di ricerca ASED (Annotazione Semantica per Edizioni Digitali).

Scuola Digitale

La possibilità di utilizzare strumenti digitali, collaborativi e multimediali in ambito scolastico ed educativo è una importante opportunità anche per le materie umanistiche (l’italiano, l’inglese, la storia e la geografia, il latino e il greco, l’arte, ecc), per rafforzare le competenze relative alla comprensione e alla produzione dei contenuti.

CELI realizza soluzioni innovative e usabili per la Scuola Digitale in collaborazione con gli utenti, cioè gli insegnanti e gli studenti delle scuole dei vari gradi.

Con la spin-off Cross Library abbiamo realizzato l’applicazione web CBook, applicando tecnologie di Digital Humanities ai testi letterari, in collaborazione con la Fondazione Bruno Kessler di Trento, con lo scopo di aumentare le competenze linguistiche e digitali, facilitare la comprensione e l’apprendimento, stimolare la collaborazione in rete.

Contattaci per una demo





Accetto le condizioni di privacy di cui ho preso visione