Progettidi ricerca

CANP - La Casa nel Parco

Chatbot e Assistenti Vocali per l’Healthcare

Il progetto “La Casa nel Parco” si colloca nell’ambito tecnologico “E-health, Bioinformatica ed ICT for health research” del bando POR-FESR Piattaforma Tecnologica “Salute e Benessere” della Regione Piemonte e nel campo di applicazione “assistenza domiciliare”. 

Il progetto propone soluzioni per l’e-health come applicazione di tecnologie ICT oltre lo stato dell’arte nella gestione dei processi sanitari, nella telemedicina e telemonitoraggio, allo scopo di supportare l’accessibilità e interoperabilità delle informazioni e dei servizi sanitari, il decentramento della cura, la razionalizzazione delle risorse ed il miglioramento dei percorsi assistenziali. 

Il focus principale del progetto è l’ospedalizzazione a domicilio (OAD) nel contesto del futuro prossimo dei due Parchi della Salute e della Ricerca e dell’Innovazione di Torino e di Novara. L’opportunità di sviluppare tecnologie di avanguardia per due futuri grandi ospedali ad alta intensità permette di ripensare il modello OAD già dalla fase di progettazione degli ospedali, di intervenire migliorando i processi e percorsi clinici e di contestualizzare il servizio nel sistema dei servizi del territorio. 

CELI ha progettato e sviluppato due interfacce conversazionali, cioè un assistente vocale e un chatbot: la prima, dedicata al servizio OAD dell’ospedale Molinette di Torino, contribuisce alla cura e all’educazione alle persone durante l’ospedalizzazione a domicilio, ed è stata implementata attraverso una Alexa Skill per Amazon Echo Show (con voce, video e testo). L’interfaccia dialoga con i caregiver attraverso la voce e il video per assisterli durante il loro periodo di cura, al fine di facilitarne l’autonomia e il processo di stimolazione motivazionale. 

La seconda è un’interfaccia scritta (chatbot) dedicata ai pazienti CRESLA dell’Ospedale di Novara. Questo secondo agente dialogico aiuta i pazienti affetti da SLA a monitorare l’andamento della loro dieta e a comunicare tempestivamente con lo specialista qualsiasi variazione nel loro consumo di cibo. 

Entrambi gli agenti sono attualmente oggetto di trial clinico presso i due ospedali. La sperimentazione scientifica permetterò di verificare con metodo rigoroso l’efficacia degli strumenti, la loro usabilità e il rapporto fra pazienti e nuove tecnologie.