From data
To meaning

I Linked Data per davvero secondo Synapta

Federico Morando, co-founder e CEO di Synapta, ha pubblicato un guest post sul sito di TIM OPEN sul tema dei Linked Data al tempo dei Big Data.

“Questo post ha un duplice obiettivo. Da un lato, introdurrò il lettore ai Linked Data – e proverò a farlo abbinando alle classiche definizioni, che risentono del background tecnico-accademico di molti degli early adopters, qualche intuizione sull’utilità di business di questo approccio alla gestione dei dati. D’altro canto, chi già avesse familiarità coi Linked Data non si scoraggi subito: nella seconda parte, mi concentrerò brevemente sul ruolo dei Linked Data nel contesto Big Data, con un accenno ai Big Linked Data – inclusi alcuni riferimenti tecnici più specifici, che spero siano utili anche agli addetti ai lavori “linked”.” scrive Federico.

Linked Data Big Data Synapta
Fonte: elaborazione da tavole di Hugh MacLeod

“Chiunque può trarre benefici dall’utilizzo dei Linked Data fin da subito. Le organizzazioni di minori dimensioni possono collegarsi alla Linked Open Data Cloud, per integrare i dati interni con quelli messi a disposizione da un crescente numero di communities online (a partire da Wikidata) ed entità pubbliche e private (dall’ISTAT a Bloomberg). Ciò avvantaggiandosi in tempo reale degli aggiornamenti dei dati di origine e senza doversi preoccupare di mantenere in sincrono copie locali.
Le organizzazioni di maggiori dimensioni, inoltre, possono godere già al proprio interno di ulteriori vantaggi, derivanti dalla progressiva standardizzazione semantica, senza bisogno di mettere pesantemente mano ai database legacy.”

Vuoi saperne di più? Contattaci!

Tags: ,